sarde-beccafico

Sarde a Beccafico

Le sarde a beccafico sono un secondo di pesce tipico della gastronomia siciliana in particolare palermitana e messinese. Il connubio di sapori che si mescolano in questo piatto ne fa una pietanza particolarmente saporita, gli involtini di sarde sono farciti con con pangrattato, pinoli e uvetta.

TEMPO80 Minuti
DIFFICOLTA’
DOSI4 Persone

Ingredienti Sarde a Beccafico

  • Sarde 520 g
  • Alloro q.b.
  • Prezzemolo 10 g
  • Acciughe sott’olio 15 g
  • Pangrattato 50 g
  • Olio extravergine di oliva 30 g.
  • Sale q.b.
  • Uvetta 25 g
  • Pinoli 25 g
  • Zucchero 15 g
  • Pepe nero q.b.
  • Succo d’arancia 35 g
  • Miele di acacia 35 g
Procedura Sarde a Beccafico

Per preparare le sarde a beccafico come prima assicurarsi che le sarde siano già pulite. Per preparare il ripieno, come prima cosa sciacquare e poi a mettere a mollo l’uvetta in acqua fredda per una decina di minuti. Versare poi un filo d’olio in una padella, aggiungere il pangrattato e tostarlo per un paio di minuti a fiamma media, mescolando di continuo. 

Nel frattempo tritare il prezzemolo e tagliare grossolanamente le acciughe. In una ciotola versare il pangrattato, l’uvetta scolata e strizzata, i pinoli, le acciughe, il prezzemolo, lo zucchero, sale e pepe. 

Mescolare il tutto e tenere da parte un attimo. Ungere una pirofila 20×20 e passare a farcire le sarde. Sistemare un po’ di ripieno su ciascuna sarda e arrotolarla partendo dalla parte della testa, in modo da formare un involtino. Disporre man mano le sarde all’interno della teglia, in maniera ordinata, in modo che stiano vicine tra loro. Prendere le foglie di alloro e disporre le foglioline tra un rotolino e l’altro. 

A questo punto cospargere la superficie con il ripieno avanzato. Non resta che preparare l’emulsione. Versare in una ciotolina il miele, il succo d’arancia e l’olio. 

 Emulsionare sbattendo rapidamente con una forchetta, poi spargere sulle sarde utilizzando un cucchiaio. Cuocere in forno statico preriscaldato a 200° per circa 20-25 minuti. Quindi sfornare e servite.   

Classificazione: 1 su 5.

Commenta

Blog at WordPress.com.